fbpx
Giovedì, 28 Marzo 2019 21:00

San Lorenzo TwoTone: serata di cinema e musica assieme ai Madness

Atletico San Lorenzo, Ruderoma, Sally Brown Rude-pub e Nuovo Cinema Palazzo sono orgogliosi di presentare “San Lorenzo Two-Tone”, special guest direttamente from Madness la storica icona 2Tone Lee Thompson e il regista Jeff Baynes, entrambi presenti durante tutto l’evento.

Sabato 30 marzo 2019 il quartiere San Lorenzo vivrà un evento più unico che raro; non potevamo dargli un nome migliore considerando il livello degli ospiti e il coinvolgimento del quartiere, in due momenti differenti all’interno di due location storiche dello stesso quartiere… San Lorenzo Two-Tone!

▪ ore 18.00 Nuovo Cinema Palazzo
Presentazione e proiezione ufficiale del film Lee Thompson: One Man's Madness (ingresso a sottoscrizione)
A seguire cena sociale a cura della polisportiva popolare Atletico San Lorenzo con la presenza della storica band dei Madness from London


▪ ore 22.30 Sally Brown Rude-pub
DJ Set con LEE THOMPSON ( MADNESS-UK) in console!
Warm-up con Luigi Bertaccini, Francesco Nembokid Selecta from Ruderoma, Rudie Pressure Sounds, Howlin’ Danny & Rude Bones from Shots in the Dark (free entry)
moderatori dell’evento Luigi Bertaccini (Cesena) e Roberta Pagnini (Roma)

ONE MAN’S MADNESS ( IL FILM)

Chi è Lee Thompson? Mentre tutti ormai sanno chi è il cantante dei Madness, gli altri membri della band vengono raggruppati nell’immaginario generale come la gang che gli sta dietro. Tuttavia, se poi fate riferimento a “quello dei Madness che vola in aria mentre suona il sax”, un sorriso di compiacimento presto appare sulle labbra del vostro interlocutore avendo capito immediatamente di chi state parlando. E che altro sappiamo di questo pazzo personaggio di una band tanto amata? E perché mai ha questa inclinazione a farsi sospendere dagli impianti dell’illuminazione o dai travetti, con addosso costumi bizzarri, mentre suona il sax? Il regista Jeff Baynes, che ha filmato e diretto molti dei videoclip dei Madness degli anni 80, ha collaborato, o tramato, con lo stesso Lee, per trovare una risposta a queste questioni nodose. Tenendo fede allo stile comico e farsesco di quei primi videoclip, la band e i familiari vengono intervistati, ma le risposte non sono proprio quello che ci si aspettava. E nella miglior tradizione di quei videoclip classici, il film è stato girato quasi interamente in modo artigianale nel quartiere NW5 di Londra, con tutta la stessa immaginazione e disprezzo per le regole che ispirò quei primi lavori. Strizzando l’occhio ai più popolari film rock biografici, questo lungometraggio ne rovescia scherzosamente il formato facendo sfilare, in una comica parata, una carrellata di personaggi vicini al nostro Lee ma filtrati attraverso la sua fertile immaginazione e il suo dono per l’imitazione. Il risultato è un racconto bonariamente comico di come gli altri ci percepiscono e dell’evolversi dell’immagine di una band nella visione collettiva. Similmente a tante altre band iconiche provenienti dal Regno Unito, i Madness sono uno stretto gruppo di amici che si frequentano dai tempi della scuola, nati e cresciuti nello stesso quartiere di Camden, nel Nord di Londra. Il legame tra loro e le rispettive famiglie è alla base del racconto amorevole di questo viaggio, che parte dagli anni della pubertà per arrivare al successo mondiale, il tutto raccolto in uno strano incrocio tra una commedia inglese e un’autobiografia rock. I Madness hanno sempre racchiuso nella loro musica melodie da spettacolo di varietà, circo, ska e rock, e questo film è un omaggio a quel mix di tradizioni molto British. Per molti versi, questo è il miglior film sui Madness non ufficialmente catalogato come un film sui Madness. Il tutto viene realizzato osservando la band dal punto di vista di uno dei suoi membri, evitando le solite interviste, per seguire invece la traiettoria di uno di loro attraverso le relazioni interpersonali e le prove e tribolazioni che accompagnano la celebrità. Il risultato è davvero eccezionale e ci offre uno scorcio della vita nel Nord di Londra degli anni 70 e dell’alchimia che ha permesso la trasformazione di un gruppo di semplici ragazzotti in una grande band e in un “patrimonio nazionale” per la Gran Bretagna. E tutto ciò li fa anche un po’ impazzire… Jeff Baynes è cameraman e regista. La sua carriera comincia nel 1979, ai tempi in cui i videoclip si stavano affermando come uno dei metodi più popolari per la promozione delle band e della loro immagine. Con l’avvento di tecnologie sempre più a buon mercato e l’esplosione dell’etica punk del fai-da-te, non esistevano più regole su cosa si poteva e non si poteva fare, un fatto sfruttato al massimo dai Madness che riempirono i loro videoclip di un umorismo anarchico in perfetta sintonia con la loro musica. Jeff lavorò sui videoclip per Baggy Trousers e House of Fun, dando così vita a un’amicizia con la band che continua fino ai giorni nostri. Ha inoltre diretto i videoclip per It’s OK I’m A Policeman dei Crunch e Drip Fed Fred, una collaborazione tra i Madness e Ian Dury. Oltre a concerti e documentari di danza, Jeff è diventato il cameraman di riferimento per film documentari di ricostruzione storica, un genere molto in voga nel nuovo millennio.
Jeff ha contribuito alla riproduzione di D-Day, le Crociate, la Crisi di Suez, e l’allarme di guerra nucleare del 1983, tutto utilizzando una quantità minima di attrezzature sceniche e tanto fumo. Il suo talento l’ha portato a ricevere un Emmy per Crusades: Crescent and The Cross (C4 2005) e una nomina ai BAFTA per il suo lavoro su George Orwell: A Life in Pictures (BBC 2003). Più recentemente, ha lavorato su molti documentari musicali prodotti da BBC4, tra cui Steve Winwood, Prince e Soul Britannia. Il film che vedrete stasera vede riunite tutte queste esperienze nella massima espressione dei film fai-da-te, e il ritorno alle origini per Jeff e Lee. Filmato quasi interamente nel salotto di Jeff nel quartiere londinese di NW5 (e dove altro mai?) e montato nella sua stanza degli ospiti, la sua amicizia con i Madness e con Lee gli ha permesso di creare un flm unico e imperdibile.

Cerca

  • 17424994 614699675385625 2516320820501981695 n
  • 17457258 614699668718959 9036445346946415408 n
  • 17457524 614532975402295 6948891255067586249 n
  • 17457648 615393841982875 238226590306698396 n
  • 17457766 615103952011864 8380636059725205800 n
  • 17457809 615393748649551 3004693791247494920 n
  • 17458066 614533175402275 89982499647863281 n
  • 17458133 614533118735614 5303122369157954590 n
  • 17522618 615103875345205 1969360731457252968 n
  • 17523305 614532988735627 1711038551489544935 n
  • 17553634 615431425312450 9013564991993897845 n
  • 17554006 614535418735384 6690932391036556824 n
  • 17554278 614533042068955 1580523364033747137 n
  • 17554308 615602725295320 4132519597154543302 n
  • 17554418 615103838678542 3549462256124570280 n
  • 17554541 614728712049388 6592649797170859024 n
  • 17554590 615103955345197 7532834580078063704 n
  • 17626509 614533085402284 2082893014594067774 n
  • 17629596 616379091884350 617849694629740251 n
  • 17629804 615104028678523 4509626299217101551 n
  • 17629993 614535402068719 4717470823838117763 n
  • 17862392 622238054631787 4295087826977913713 n
  • 17883715 622237924631800 324805209580034176 n
  • 17883936 622989211223338 948094392897520344 n

Associazione Sportiva Dilettantistica Atletico San Lorenzo
Codice fiscale: 97762340582 - Codice Registro Coni: 232830 - 215015
Cookie Policy - Privacy PolicyServizi Web Marketing