fbpx
Venerdì, 15 Maggio 2020 19:00

Scuola pubblica e diritto allo sport

Da tre anni l'Atletico San Lorenzo porta avanti, in sinergia con l'Istituto comprensivo Borsi-Saffi, progetti sportivi per l'avviamento alla motricità delle bambine e dei bambini della scuola elementare del quartiere. In piena pandemia proviamo a tirare le somme del nostro percorso comune, dando la parola al nostro personale tecnico, al corpo docente e ai genitori dei bambini e delle bambine coinvolte dal progetto.

 

Scuola pubblica e diritto allo sport.

di Andrea Dorno

 

L’emergenza sanitaria che ci ritroviamo a vivere, la reclusione in casa, l’impossibilità di svolgere la nostra annuale routine sportiva, ci fa riflettere ancor di più su quanto il lavoro che portiamo avanti sia fondamentale per la crescita del quartiere e della società.

Presto "tutto tornerà come prima". Questa affermazione, di cui ampiamente si abusa in televisione e sui giornali, non può che rattristarci e farci riflettere.

Siamo ben consapevoli, parlando di sport, che un ritorno alla ‘’normalità’’ equivale a tornare ad uno status quo fatto di strutture assenti, affitti esagerati, costi federali intollerabili, scuole in cui mancano palestre, attrezzature o personale qualificato. Gli anni precedenti al Covid19 sono stati anni in cui la società ha fortemente sofferto di tutti i tagli alla spesa pubblica. Dalla sanità all’istruzione, passando per la cattiva amministrazione dei territori, tra chi ha visto, giorno dopo giorno, anno dopo anno, un fortissimo restringimento dei diritti sociali ci siamo anche noi. Quella in cui viviamo oggi è una società fondata su una moltitudine di diritti negati. In questa moltitudine ce n’è uno per cui ci battiamo da quando siamo nati nel lontano 2013: il diritto allo sport.

In questo momento delicato è un diritto negato a tutti e tutte, grandi e piccole (per ovvie ragioni sanitarie). Prima del Covid, invece, era negato solo per determinate soggettività: famiglie povere e migranti senza documenti sono le categorie che palesano questa negazione. Oltre a tutti i limiti dettati dallo status di migrante e oltre al limite economico, la privazione di questo diritto passa anche dall’amministrazione dei territori: quartieri senza strutture sportive, assenza di luoghi pubblici per lo sport, scuole fatiscenti lasciate senza finanziamente, palestre assegnate per bando a società che poi ci speculano sopra, periferie abbandonate a se stesse, parchi a chiusura oraria (o assenza di parchi).

Il diritto allo sport dovrebbe essere garantito dallo Stato, in primis tramite l’istruzione pubblica, in secondo luogo dalle società sportive.

Invece da una parte abbiamo una scuola pubblica in cui l'insegnamento dell’educazione fisica arranca, vivendo molto spesso (solo ed unicamente) della buona volontà dei docenti e dei dirigenti. Dall’altra abbiamo società sportive in crisi oppure votate ad un modello di mercato, che alzano le quote d’iscrizione per le famiglie, anno dopo anno, andando a costruire tra l’altro un modello di sport altamente escludente, fortemente sessista, totalmente incentrato sui traguardi sportivi, noncurante di tutti gli aspetti sociali fondamentali per la buona crescita della società.

Da tre anni a questa parte l’Atletico San Lorenzo, in sintonia con l’Istituto Comprensivo Borsi-Saffi, sta portando avanti "Una Scuola Atletica", un progetto scolastico mirato allo svolgimento dell’educazione motoria per bambini e bambine di varie classi della scuola elementare.

Da molto più di tre anni, però, la stessa scuola, completamente abbandonata dalle istituzioni, si ritrova costretta a chiedere al quartiere un aiuto. La pratica sportiva dentro la scuola pubblica di San Lorenzo viene portata avanti dalle realtà sportive di quartiere, dall’Atletico San Lorenzo alla Palestra Popolare. Abbiamo portato avanti questo progetto a titolo gratuito, orgogliosi di quello che abbamo fatto, consapevoli che il nostro lavoro è stato quello di provare a riempire, con le nostre forze, una voragine generata da una classe politica che ha completamente abbandonato i temi dell’istruzione pubblica e dello sport. Tutto questo volontariato gratuito da solo non basta, occorrono più ore per l’educazione motoria. Per questo, la scuola chiede alle famiglie una piccola tassa ‘’extra’’ per pagare un ulteriore corso sportivo privato.

Scuolaatletica05

Grazie al lavoro congiunto di docenti, dirigenti e dei nostri tecnici e istruttori, il progetto ‘’Una Scuola Atletica’’ ha potuto prendere vita anche quest’anno. Purtroppo non siamo riusciti a garantire lo stesso numero di ore degli anni precedenti: abbiamo coperto solo i martedì pomeriggio (13.30 - 16.30) con l'ausilio di personale tecnico delle squadre di basket maschile e femminile ed un mercoledì pomeriggio al mese (13:30 - 16:30) con l'ausilio dei tecnici della scuola calcio popolare e della squadra di pallavolo mista. Siamo comunque riusciti a garantire l'attività motoria a sei classi: ogni classe era coinvolta nel progetto a martedì alterni, per un’ora. Vedere una seconda elementare crescere e diventare una quinta è la stessa emozione che proviamo vedendo crescere, allenamento dopo allenamento, le atlete e gli atleti del nostro settore giovanile. Purtroppo la pandemia mondiale ha interrotto l’anno scolastico insieme al nostro progetto. Ora il sistema scolastico mostra tutte le proprie cicatrici aperte. Il corpo docente, le famiglie e i più piccoli sono afflitti da un altro morbo che mette in pericolo il diritto allo studio per tutti e tutte: la didattica a distanza.

Il distanziamento sociale, il restare a casa, non può che farci pensare anche a loro, alle nostre classi. È ancora troppo presto per calcolare l’impatto che avrà la quarantena (e le sue necessarie misure restrittive) sulla crescita dei bambini e delle bambine. Su una cosa siamo più che sicuro: "non deve tornare tutto come prima".

Le domande che ci poniamo sono tante, tra queste alcune delle più importanti sono:

Chi garantirebbe gratuitamente il diritto allo sport nella scuola di San Lorenzo se non ci fossero l’Atletico San Lorenzo, la Palestra Popolare e altre associazioni territoriali?

Quanto ancora questo sistema dovrà pesare sulla buona volontà (non retribuita) dei docenti?

Se la scuola non può permettersi di fare sport e il quartiere non ha spazi verdi e attrezzati come crescono i più piccoli?

L’anno prossimo, sperando di esserci lasciati la pandemia alle spalle, torneremo a presentare il progetto a scuola, provando ad investire tutte le energie che avremo a disposizione. Intanto, abbiamo preparato un questionario per raccogliere le considerazioni di docenti, famiglie e bambini, la cui voce è spesso ritenuta inutile dal sistema, su questi tre anni di progetto che abbiamo portato avanti. Affrontare insieme a loro i problemi legati al diritto allo sport nel nostro quartiere è quello che faremo. Provando, insieme, ad immaginare una scuola diversa non più basata sulla privazione e sull’impossibilità

Andrà tutto bene, se non tornerà tutto come prima.

Scuolaatletica03

Cerca

  • 17424994 614699675385625 2516320820501981695 n
  • 17457258 614699668718959 9036445346946415408 n
  • 17457524 614532975402295 6948891255067586249 n
  • 17457648 615393841982875 238226590306698396 n
  • 17457766 615103952011864 8380636059725205800 n
  • 17457809 615393748649551 3004693791247494920 n
  • 17458066 614533175402275 89982499647863281 n
  • 17458133 614533118735614 5303122369157954590 n
  • 17522618 615103875345205 1969360731457252968 n
  • 17523305 614532988735627 1711038551489544935 n
  • 17553634 615431425312450 9013564991993897845 n
  • 17554006 614535418735384 6690932391036556824 n
  • 17554278 614533042068955 1580523364033747137 n
  • 17554308 615602725295320 4132519597154543302 n
  • 17554418 615103838678542 3549462256124570280 n
  • 17554541 614728712049388 6592649797170859024 n
  • 17554590 615103955345197 7532834580078063704 n
  • 17626509 614533085402284 2082893014594067774 n
  • 17629596 616379091884350 617849694629740251 n
  • 17629804 615104028678523 4509626299217101551 n
  • 17629993 614535402068719 4717470823838117763 n
  • 17862392 622238054631787 4295087826977913713 n
  • 17883715 622237924631800 324805209580034176 n
  • 17883936 622989211223338 948094392897520344 n

Associazione Sportiva Dilettantistica Atletico San Lorenzo
Codice fiscale: 97762340582 - Codice Registro Coni: 232830 - 215015
Cookie Policy - Privacy PolicyServizi Web Marketing